Scuola d’impresa per startup legate ai temi delle Scienze della Vita

 

Art. 1 – Premesse

1. Lazio Innova ha dato avvio ad una strategia volta alla valorizzazione dei risultati della ricerca accademica e industriale che consenta la nascita, la crescita e l’attrazione di startup innovative ad alto valore scientifico e tecnologico.
2. Tale strategia si concretizza attraverso il lancio di specifiche Call a team e startup che abbiano sviluppato soluzioni e prodotti innovativi per le principali filiere laziali. Lazio Innova, una volta definite le tematiche di maggior valore con esperti di settore e portatori di interesse del territorio, invita team e startup a presentare soluzioni innovative per le singole iniziative.
3. La presente Call ha per oggetto il programma SVita – Scuola d’impresa per startup legate ai temi delle Scienze della Vita
Il processo si articola nelle seguenti fasi:

  • lancio della Call;
  • Raccolta delle Proposte di soluzioni e prodotti innovativi;
  • Selezione di 20 team per la partecipazione al percorso gratuito di mentorship per definire e validare il proprio modello di business;
  • Selezione di 5 finalisti per la partecipazione gratuita ad un percorso di coaching specifico volto all’ “Investment Readiness”;
  • Pitch finale con investitori e business angel.

 

Art. 2 – Soggetti ammessi

1. La Call è rivolta ai soggetti di seguito elencati:
a) Aziende costituite da non oltre 60 mesi;
b) Team informali composti da minimo due persone fisiche, di cui almeno una impegnata nella ricerca (professori, ricercatori, laureati, dottorandi, assegnisti e studenti) che abbiano individuato potenziali soluzioni e prodotti suscettibili di valorizzazione imprenditoriale.

2. Non saranno ammesse le candidature di soggetti che:
a) Non sono in possesso dei requisiti richiesti, di cui al punto 1;
b) Si trovino in una delle situazioni elencate nell’art 136 e art 141 paragrafo 1, del Regolamento UE1046/2018;
c) Siano pervenute oltre la data di scadenza prevista nel bando.

 

Art.3 -Tematica della Call

1. Le Scienze della Vita hanno un’importante tradizione tecnico-scientifica ed industriale nel Lazio, che ne fanno uno dei consolidati settori di eccellenza della regione. L’Area di Specializzazione (AdS) “Scienze della Vita” prende spunto dal comparto produttivo denominato “Industria della Salute”. Questo comparto produttivo comprende, nel Lazio:

  • il “biotecnologico/farmaceutico”
  • il “biomedicale/dispositivi medici”
  • l’ “informatica applicata alla biomedicina ed ai servizi di assistenza socio-sanitaria”
  • il “benessere/wellbeing”
  • Nutraceutica
  • Servizi alla salute con innovazione tecnologica
  • Diagnostica clinica e servizi

La Call in particolare mira a supportare lo sviluppo di soluzioni e prodotti, con potenzialità di mercato, che rispondano a fabbisogni espressi in tema salute e benessere.

 

Art.4 –Garanzie e manleva dei partecipanti
1. Ciascun partecipante dichiara e garantisce che la proposta presentata fa riferimento a soluzioni e prodotti che:

a) sono un’opera originale, anche se non coperta da brevetto, su cui il partecipante dispone dei relativi diritti di utilizzo, qualora ce ne dovessero essere o sono prevedibili o sono in corso negoziazioni con enti/istituzioni pubbliche/private o persone fisiche che potrebbero coprirla;

b) non contengono alcun marchio, logo o altro elemento protetto dal diritto di proprietà industriale o diritto d’autore di titolarità di terzi, o che, ove esistano diritti di terzi, il partecipante si sia previamente dotato di tutte le necessarie autorizzazioni e licenze da parte del relativo titolare;

c) non violano altri diritti di terzi, inclusi, tra l’altro, i brevetti, i segreti industriali, diritti provenienti da contratti o licenze, diritti di pubblicità o diritti relativi alla privacy, i diritti morali o qualunque altro diritto meritevole di tutela;

d) non contengono alcun contenuto diffamatorio, rappresentazione, considerazione oltraggiosa o qualunque altro contenuto che potrebbe danneggiare il nome, l’onore o la reputazione di Lazio Innova e dei partner o di qualunque altra persona o società;

e) non contengono alcun contenuto di carattere pornografico o sessuale, o contenuto di carattere discriminatorio in qualsivoglia modo (incluse specificamente la discriminazione basata sulla razza, sul sesso, orientamento sessuale, sulla religione e/o credo politico di individui o gruppi), né contenuti che promuovano violenza o lesioni nei confronti di qualsiasi essere vivente o qualunque altro contenuto offensivo, osceno o inappropriato;

f) non contengono alcuna minaccia o alcun contenuto volto a intimidire, molestare, o maltrattare la vita privata di una persona fisica;

g) non contengono attività di ricerca, di sviluppo o di definizione di applicazioni tecniche relative a clonazione umana a scopi di ricerca o terapeutici;

h) non costituiscono una violazione delle leggi applicabili e non contengono dei contenuti che incoraggiano comportamenti illeciti.

2. I partecipanti dichiarano espressamente per sé e per i loro aventi causa di manlevare e tenere indenne, integralmente Lazio Innova e i partner della Call da qualsivoglia rivendicazione, pretesa risarcitoria o richiesta di danno avanzata da qualunque terzo.

 

Art. 5 – Modalità di presentazione delle domande

1. I soggetti interessati potranno presentare la propria candidatura compilando l’apposito Modello di candidatura SVita disponibile sul sito www.lazioinnova.it.
Il Modello compilato in ogni sua parte, dovrà essere inviato in formato pdf, firmato dal proponente, esclusivamente tramite email all’indirizzo startuplazio@lazioinnova.it indicando nell’oggetto la dicitura “Candidatura SVITA”.
La candidatura dovrà essere presentata completa di: 1) Dichiarazione Sostitutiva sottoscritta dal rappresentante legale (allegato A al presente avviso) o da ciascun membro del team informale (allegato B al presente avviso); 2) informativa sul trattamento dei dati (allegato C al presente avviso), debitamente compilata e sottoscritta da ciascun soggetto che abbia fornito i propri dati.

2. I termini per la presentazione delle Proposte di Soluzioni Innovative sono stati prorogati alle ore 23,00 di venerdì 22 Maggio 2020.

3. Con la partecipazione a SVita – Scuola d’impresa per startup legate ai temi delle Scienze della Vita, ciascun partecipante accetta senza condizioni le prescrizioni della presente Call.

Art. 6 – Selezione dei progetti finalisti e ruolo dell’Advisory Board

1. Successivamente alla fase di presentazione, le soluzioni e i prodotti proposti saranno valutati ad insindacabile giudizio di un Advisory Board appositamente costituito. L’Advisory Board, nominato dal Direttore Generale di Lazio Innova, sarà composto da:
a) due rappresentanti di Lazio Innova;
b) un rappresentante della Regione Lazio che operi nei settori delle Scienze della Vita;
c) un esperto che operi nei settori delle Scienze della Vita.

L’Advisory Board valuterà le Proposte di soluzioni e prodotti innovativi a suo insindacabile giudizio e procederà alla selezione di 20 finalisti che potranno accedere al percorso di mentorship.
L’Advisory Board, qualora lo ritenesse necessario, potrà convocare i proponenti per avere chiarimenti e approfondimenti riguardo ai contenuti della proposta.

2. L’Advisory Board esegue la valutazione delle Proposte di soluzioni e prodotti innovativi ricevibili sulla base dei seguenti criteri di valutazione:

3. Saranno ammesse al percorso strutturato di formazione e mentorship gli Innovatori le cui Proposte di soluzioni e prodotti abbiano ottenuto un punteggio pari o superiore a 60 da ciascun membro dell’Advisory Board o, se più di 20, le 20 che hanno ottenuto il punteggio più alto dato dalla somma dei voti di ciascun membro dell’Advisory Board. In caso di ex aequo sarà preferita la proposta arrivata prima in ordine cronologico. In ogni caso Lazio Innova si riserva il diritto di ammettere un numero di soluzioni maggiore di 20.

 

Art. 7 – Percorso di mentorship

1. Lazio Innova mette a disposizione un percorso di mentorship, suddiviso in due fasi, finalizzato a valorizzare imprenditorialmente soluzioni e prodotti, che rispondano a fabbisogni espressi in tema salute e benessere.
2. La fase 1 è dedicata alle 20 team/startup selezionate e si terrà all’interno dello Spazio Attivo Roma Casilina e dello Spazio Attivo di Latina, affiancando ai partecipanti un mentor specializzato del settore. Il percorso sarà finalizzato alla definizione del prodotto/servizio e del modello di business, attraverso 5 incontri con cadenza quindicinale.
3. Al termine della fase 1, I’Advisory Board, integrato da altri due componenti espressione del mondo imprenditoriale nelle Scienze della Vita e nominati dal Direttore Generale di Lazio Innova, selezionerà fino a 5 partecipanti alla fase 2, sulla base dei medesimi criteri di valutazione di cui all’art. 6 ma con i seguenti punteggi massimi:

Saranno ammesse alla fase 2, le Proposte di soluzioni e prodotti che abbiano ottenuto un punteggio pari o superiore a 60 da ciascun membro dell’Advisory Board o, se più di 5, le 5 che hanno ottenuto il punteggio più alto dato dalla somma dei voti di ciascun membro dell’Advisory Board. In caso di ex aequo sarà preferita la proposta che avrà ottenuto il punteggio maggiore per il criterio “Investibilità economica”. In ogni caso Lazio Innova si riserva il diritto di ammettere un numero di soluzioni inferiore a 5.

4. La fase 2 del percorso garantirà:

  • Accesso a servizi specialistici di supporto (quali ad esempio redazione del business plan, tutela brevettuale e IPR, investment readiness, ecc.) che verranno individuati da Lazio Innova sulla base delle esigenze evidenziate dal progetto imprenditoriale e definiti in uno specifico piano di lavoro condiviso con i partecipanti alla fase 2;
  • Partecipazione all’evento di Pitch Finale all’interno del quale presentare il proprio progetto a investitori istituzionali e privati, imprese e operatori regionali;
  • Accesso gratuito per 12 mesi ai servizi di incubazione presso gli Spazi Attivi del territorio, in base alla prossimità geografica ed alla disponibilità di spazi;
  • una campagna di comunicazione social, a cura ed a carico di Lazio Innova, finalizzata a dare visibilità sui media ai selezionati.

 

5. I partecipanti alla fase 2 che avranno concluso il percorso presenteranno la propria idea in un evento di Pitch Finale ad una platea di investitori istituzionali e privati, imprese e operatori regionali.

L’Advisory Board di cui al precedente comma 3, integrato da due componenti esperti in investimenti in capitale di rischio nominati dal Direttore Generale di Lazio Innova, individuerà la migliore soluzione/prodotto, sulla base dei criteri indicati dal medesimo comma 3.

1. A ciascuno dei cinque finalisti che accederanno alla fase 2 del percorso di mentorship, Lazio Innova riconoscerà una premialità in denaro del valore di Euro 5.000,00 (cinquemila/00) al lordo degli oneri di legge.
2. All’evento finale SVITA, Lazio Innova riconoscerà una premialità in denaro del valore di Euro 5.000,00 (cinquemila/00) al lordo degli oneri di legge ai proponenti della soluzione/prodotto giudicato migliore, così come indicato all’art. 7, comma 5. Tale premio sarà finalizzato al supporto dell’attività di fundraising che il team dovrà svolgere.
3. I premi in denaro saranno riconosciuti esclusivamente ad imprese che abbiano o acquisiscano entro 120 gg. dall’aggiudicazione della premialità, sede operativa nel Lazio. Nel caso di team, l’erogazione sarà subordinata alla costituzione in impresa, con almeno una sede operativa nel Lazio, entro 120 gg. dall’aggiudicazione della premialità.
4. Lazio Innova provvede all’erogazione delle premialità in denaro tramite bonifico bancario, al netto delle ritenute di legge, su un conto corrente intestato al soggetto giuridico aggiudicatario. L’erogazione delle premialità è inoltre subordinata alla regolarità contributiva, verificata da Lazio Innova tramite DURC e dietro verifica delle informazioni contenute nella dichiarazione antimafia, che verrà richiesta.
5. Le comunicazioni e la documentazione relative alle premialità avverranno, a tutti gli effetti di legge, tramite la PEC lazioinnova@pec.lazioinnova.it.

 

Art. 9 -Revoca e recupero delle premialità in denaro

1. Le premialità in denaro sono soggette a revoca, con conseguente obbligo di restituire gli importi eventualmente già erogati, nel caso in cui risultino concesse o erogate sulla base di dati, notizie e dichiarazioni mendaci o reticenti.
2. Le premialità revocate devono essere restituite entro 60 giorni dalla relativa comunicazione, maggiorate degli interessi legali maturati nel periodo intercorrente tra l’erogazione e la restituzione. Eventuali ritardi nella restituzione di quanto dovuto comporteranno il rimborso delle spese legali e l’applicazione di interessi di mora, per il periodo successivo al termine per la restituzione, nella misura degli interessi legali maggiorati di 500 punti base (5%).
3. Qualora, nel rilevamento delle predette irregolarità, siano coinvolti profili di responsabilità per danni o penali, Lazio Innova esperisce ogni azione nelle sedi opportune.

 

Art. 10 – Diritto di accesso, Informativa ai sensi della Legge 241/90, Riservatezza

1. Il diritto di accesso agli atti si esercitata conformemente alle previsioni di cui all’art. 22 e seguenti della Legge 241/90 e s.m.i.
2. Il responsabile del procedimento è il Direttore di Lazio Innova.
3. I richiedenti, nel presentare richiesta erogazione del Premio, accettano la pubblicazione, elettronica o in altra forma, dei loro dati identificativi (codice fiscale e ragione sociale o, nel caso delle ditte individuali, nome, cognome ed eventuale nome della ditta) e dell’importo della premialità erogata, ai sensi degli artt. 26 e 27 del D.lgs. 33/2013 in materia di trasparenza.
4. Lazio Innova è comunque autorizzata a pubblicare, insieme ai dati di cui al precedente paragrafo, la descrizione sintetica dei progetti di impresa premiati, richiesta dal summenzionato art. 27 del D.lgs. 33/2013.
5. Sia nella fase di raccolta di progetti che al momento dell’esame e della selezione, il team di Lazio Innova opererà agendo secondo buona fede, nel rispetto della riservatezza delle informazioni fornite dai partecipanti e delle buone prassi professionali.

Art. 11 – Informazioni
1. Informazioni possono essere richieste a startuplazio@lazioinnova.it.

 

Allegati

Modello Candidatura SVita

Allegato A – Modello dichiarazione sostitutiva per imprese

Allegato B – Modello dichiarazione sostitutiva per team informali

Allegato C – Informativa trattamento dei dati

 

AVVISO

Questi i progetti finalisti (in ordine alfabetico):

Evvivax (EVVIVAX S.r.l.): Strategia innovativa di trattamento immunoterapico dei tumori e delle malattie infettive in ambito veterinario

Medicud (Team): Dispositivo per la medicazione a pressione negativa per il trattamento di ferite esudanti

Moniprot (G.I.R S.r.l.): Tag protesico impiantabile, idoneo alla rilevazione e al monitoraggio di processi infettivi, in particolare in corrispondenza di una protesi

Nephrotimp (Team): Nuovi farmaci biologici per la terapia della nefropatia diabetica

Neuroconnect (Neuroconnect S.r.l.): Device per rilevazione attività cerebrale e stimolazione cerebrale personalizzata