Presentazione domande: a sportello dal giorno successivo alla data di pubblicazione dell’avviso pubblico sul sito di Lazio Innova ed entro e non oltre il termine ultimo del 30 ottobre 2018.

Le domande saranno istruite in ordine cronologico e finanziate fino ad esaurimento delle risorse stanziate.

Obiettivo
Con l’espressione “Femminicidio” si intende l’ omicidio della donna “in quanto donna”, ovvero l’ omicidio basato sul genere così come definitivo anche dalla legge n. 119/2013 “Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 14 agosto 2013, n. 93, recante disposizioni urgenti in materia di sicurezza e per il contrasto della violenza di genere, nonche’ in tema di protezione civile e di commissariamento delle province” ovvero un crimine di cui il genere femminile è un causa essenziale.

La Regione Lazio con la DGR 591/2016 ha previsto il finanziamento di interventi specifici per tutelare e sostenere le figlie e i figli delle donne che hanno subito violenza o vittime di femminicidio.

Il presente Avviso Pubblico ha l’obiettivo di riconoscere ai figli di età fino a 29 anni compiuti, orfani di una donna vittima di femminicidio, un contributo una tantum pari a 10.000 euro, con uno stanziamento totale di 240.000,00 euro.
Entità del contributo
L’importo del contributo una tantum di sostegno riconosciuto a ciascun destinatario è pari a €. 10.000,00.

Destinatari
I soggetti destinatari del contributo sono gli orfani di madre vittima di femminicidio, avvenuto nella regione Lazio a partire dal 1° gennaio 2012, in possesso, alla data di presentazione della domanda, dei seguenti requisiti:
1) Età fino a 29 anni compiuti (29 anni e 364 giorni);
2) residenza nella regione Lazio.
Il reato di femminicidio deve essere avvenuto nella regione Lazio a partire dal 1° gennaio 2012 fino alla data di scadenza del presente Avviso. Il reato deve risultare già attestato con sentenza, anche non definitiva, ovvero sulla base di atti/provvedimenti emessi dai competenti organi giurisdizionali anche minorili o assunti anche in sede di volontaria giurisdizione, al momento della presentazione della domanda.
Sono esclusi dal presente avviso i beneficiari del contributo una tantum di sostegno erogato a valere sull’ Avviso approvato con determinazione n. G 13901del 23 novembre 2016, n. che si è concluso il 30 giugno 2016.

Soggetti ammessi alla presentazione delle domande
a) il soggetto destinatario del contributo se ha compiuto il 18° anno di età;
b) il genitore del minore in qualità di esercente della patria potestà esclusivamente nel caso in cui non sia autore, indagato o imputato, del reato di femminicidio;
c) il tutore del minore o soggetti terzi individuati da un decreto di affido, anche temporaneo, sulla base di un provvedimento del Giudice Tutelare o del Tribunale per i minorenni.

Istruttoria
L’istruttoria delle domande sarà effettuata, in ordine cronologico, in base ai seguenti criteri:
A) rispetto dei requisiti di ammissibilità dei soggetti candidati;
B) rispetto dei requisiti richiesti per il soggetto richiedente;
C) conformità formale delle domande presentate.

Gli esiti dell’istruttoria saranno pubblicati sul sito istituzionale di Lazio Innova  e sul sito istituzionale della Regione Lazio www.regione.lazio.it/rl_pari_opportunita

Le domande 
Le domande, redatte esclusivamente secondo la modulistica allegata all’avviso, saranno accolte con modalità a sportello. A seguito dell’incorporazione di BIC Lazio in Lazio Innova dovranno essere trasmesse con Raccomandata A/R a Lazio Innova SpA  Via dell’Amba Aradam, 9 – 00184 Roma  entro e non oltre il 30 ottobre 2018 . Farà fede il timbro di spedizione postale

Qualsiasi informazione sul presente Avviso e sui relativi allegati potrà essere richiesta, dal giorno successivo alla pubblicazione dell’Avviso entro e non oltre venti giorni prima della scadenza per la presentazione delle domande, inoltrando una mail all’indirizzo info.contributorfani@lazioinnova.it .

Le risposte verranno pubblicate su questo sito  in forma di FAQ.