La Regione mette a disposizione delle imprese del Lazio 10 milioni di Euro, attraverso l’Avviso Pubblico “Ict per tutti”, per incentivare l’adozione di nuove strumentazioni e metodologie ICT per migliorare qualità della gestione, orientamento strategico, efficienza operativa, sviluppo organizzativo, marketing e innovazione tecnologica.

Termini di presentazione delle domande

I termini per la presentazione delle domande (esclusivamente per via telematica) si sono chiusi il 30/06/2014.

Soggetti destinatari:

  • micro, piccole e medie imprese
  • imprese sociali
  • cooperative sociali
  • imprese artigiane

localizzate nell’intero territorio della Regione Lazio. 

La partecipazione deve avvenire esclusivamente in forma singola.

Progetti finanziabili:

progetti che prevedono l’introduzione di soluzioni ICT (prodotti/servizi) in impresa, quali:

  1. soluzioni e servizi basati preferenzialmente su tecnologie open source e sull’utilizzo di Internet, che permettano di semplificare e migliorare le pratiche di gestione aziendale.
  2. soluzioni e servizi di relazione con fornitori e clienti, di marketing e di gestione della comunicazione aziendale basati  sull’interazione e la collaborazione on-line, secondo paradigmi assimilabili a quelli del web 2.0.
  3. prodotti e/o servizi per  la fatturazione elettronica a tutti i livelli di gestione aziendale 
  4. prodotti e/o servizi per la gestione on-line dei processi interni all’impresa, secondo il modello SaaS – Software as a Service.
  5. soluzioni e servizi ICT per l’ottimizzazione di prodotti e/o processi produttivi.
  6. strumenti, apparecchiature e soluzioni informatiche hardware e software per la prototipazione e la produzione in piccola scala di oggetti ingegneristici e artigianali, secondo i principi e la filosofia del movimento dei “Makers”.

Ogni progetto può avere una durata massima di 12 mesi

I costi considerati ammissibili, al netto dell’IVA, sono:

  • servizi di consulenza specialistica finalizzati allo sviluppo e all’adozione di tecnologie ICT
  • servizi assimilabili all’acquisizione di potenza di calcolo strumentale allo sviluppo dei prodotti o servizi
  • acquisto di software, hardware e apparati di comunicazione
  • costi per personale dipendente (o assunto con forme contrattuali equivalenti) nel limite massimo del 20% del valore complessivo del progetto di spesa presentato/approvato
  • costi di commesse di servizio per attività funzionali alla realizzazione del progetto svolte da Atenei e/o da Organismi di Ricerca
  • spese generali nel limite massimo del 5% del valore complessivo del progetto di spesa approvato.

Si può richiedere un contributo:

nel rispetto del regime di aiuto de minimis ed entro il limite massimo di 100.000 euro, secondo lo schema illustrato nel Bando:

  • 70% dell’investimento ritenuto congruo e ammissibile per  progetti presentati da micro imprese;
  • 60% dell’investimento ritenuto congruo ed ammissibile per progetti presentati da piccole imprese;
  • 50% dell’investimento ritenuto congruo ed ammissibile per progetti presentati da medie imprese.

Le agevolazioni saranno erogate in un’unica soluzione.

Oppure è possibile consultare anche il numero verde Informa POR 800 914 625 e i siti web www.regione.lazio.it/europaimprese e www.porfesr.lazio.it.

Domane online: http://incentivi.lazioinnova.it/bando_fl_ict/