Con la Determinazione n. G10434 dell’11 settembre 2020 la Regione Lazio ha disposto la chiusura del bando “Emergenza Coronavirus e oltre”, ai sensi di quanto previsto all’articolo 5 dello stesso, in considerazione dell’elevato numero di domande ricevute.


Con la determinazione n. G10233 del 7 settembre 2020 la Regione Lazio, in considerazione dell’utilizzo di una nuova versione della piattaforma applicativa GeCoWEB, ha prorogato il termine per la finalizzazione del formulario alle ore 12.00 di giovedì 10 settembre 2020. Resta ferma la scadenza prevista dall’Avviso (ore 12:00 del 30 settembre 2020).
Prima di tale data è comunque possibile accedere al sistema per la registrazione e la compilazione della domanda

 


La Regione Lazio lancia un bando da 3 milioni di euro (fondi regionali) con l’obiettivo di individuare e finanziare «Progetti» che offrano soluzioni, da portare al mercato entro 6 mesi al massimo e sviluppate mediante l’utilizzo di nuove tecnologie, per l’aumento e il miglioramento:

a) delle «Soluzioni per il Contrasto al Covid-19», vale a dire:

  • i medicinali (esclusi i vaccini) e i trattamenti, i relativi prodotti intermedi, i principi attivi farmaceutici e le materie prime;
  • i dispositivi medici, le attrezzature ospedaliere e mediche (compresi i ventilatori meccanici, gli indumenti e i dispositivi di protezione e gli strumenti diagnostici) e le materie prime necessarie;
  • i disinfettanti o sanificanti e i relativi prodotti intermedi, le materie prime chimiche necessarie per la loro produzione o le apparecchiature per la loro applicazione;
  • gli strumenti per la raccolta/il trattamento dei dati per il monitoraggio, la localizzazione e la gestione dell’emergenza e la prevenzione e il controllo della diffusione del Covid-19 (anche negli spazi pubblici o aperti al pubblico e nei luoghi di lavoro);

b) di strumentazioni, dispositivi, sistemi e applicazioni che, in un‘ottica di welfare innovativo, consentono una più ampia ed efficiente offerta di soluzioni:

  • per la cura dei contagiati a domicilio (teleassistenza, telemonitoraggio, robotica etc.);
  • per l’assistenza a domicilio agli anziani e alle persone in situazione di fragilità;
  • per lo svolgimento delle attività lavorative a distanza;
  • per lo svolgimento delle attività lavorative sul posto di lavoro in condizioni di sicurezza;
  • per lo svolgimento di attività altrimenti impedite o ostacolate dall’emergenza sanitaria Covid-19, mediante dispositivi per il rispetto del distanziamento sociale.

Interventi e spese ammissibili

Tutti i Progetti devono includere un Intervento di Ricerca, Sviluppo e Innovazione («Intervento RSI»), per un importo non inferiore al 50% dei costi ammissibili. Sono ammissibili tutte le spese direttamente connesse all’Intervento RSI, inclusi gli ammortamenti di beni strumentali per il periodo e la quota di utilizzo per l’Intervento. I costi indiretti, inclusi quelli generali e amministrativi, sono ammessi nella misura forfettaria del 5% degli altri costi, per gli OdR; nella misura del 25% delle spese per il personale o assimilabile, per le Imprese.

I Progetti per l’aumento e il miglioramento delle Soluzioni per il Contrasto al Covid-19 possono inoltre comprendere:

investimenti per il potenziamento delle infrastrutture di prova e di upscaling che contribuiscono allo sviluppo di Soluzioni per il Contrasto al COVID-19 sviluppandole, provandole e ampliandone la scala, fino alla prima applicazione industriale e la loro produzione in serie (investimenti ex art. 58 D.L. Rilancio, p. 3.7 quadro temporaneo sugli aiuti di Stato);
investimenti per la produzione delle Soluzioni per il Contrasto al Covid-19 tramite la industrializzazione dei risultati del Intervento RSI (investimenti ex art. ex art. 59 D.L. Rilancio, p. 3.8 quadro temporaneo sugli aiuti di Stato).
Sono ammissibili tutte le spese per l’acquisto di immobilizzazioni materiali o immateriali oggetto dell’investimento.

Non sono ammissibili Progetti che prevedano costi ammissibili inferiori a 150.000 euro.

 

Beneficiari

Imprese e Organismi di Ricerca e Diffusione della Conoscenza (OdR) con sede nel Lazio, che realizzano il Progetto in forma aggregata. L’Impresa (o le Imprese) devono ricevere almeno il 40% e l’OdR almeno il 30% dei contributi concedibili per il Progetto.

Sono ammissibili anche Progetti presentati da sole Imprese, singole o aggregate, se i costi sostenuti nei confronti di OdR del Lazio per servizi di ricerca o trasferimenti di tecnologia corrispondono almeno al 30% dei contributi concedibili per il Progetto.

Sono ammissibili anche altri beneficiari qualificabili come “Non Imprese” ai sensi della normativa sugli aiuti di Stato se hanno un apprezzabile interesse alla realizzazione del Progetto.

 

Contributi

Il contributo concedibile ad un singolo Progetto non può superare i 350.000 Euro ed è proporzionato ai Costi ammissibili degli Interventi che compongono il Progetto e in funzione dei beneficiari che li sostengono, con le percentuali riportate nella seguente tabella:

* Maggiore contributo previsto in caso di effettiva collaborazione tra imprese e OdR.

Il contributo è erogato a saldo, con facoltà di ottenere il 40% a titolo di anticipazione, garantita da fidejussione per i soggetti diversi dagli Enti Pubblici.

Si applicano le maggiorazioni previste dal “Quadro Temporaneo sugli aiuti di Stato per fronteggiare l’emergenza Coronavirus” (“Q.T.”) in caso di progetti sostenuti da più di uno Stato membro o per soluzioni portate al mercato entro 2 mesi, nonché le riduzioni previste in caso di ritardo nel portare le soluzioni al mercato oltre i 6 mesi.

Presentazione e selezione delle richieste

A seguito di specifica Determina Dirigenziale in via di pubblicazione da parte della Regione Lazio sul BUR, in considerazione dell’utilizzo di una nuova versione della piattaforma applicativa Gecoweb, la domanda di partecipazione potrà essere finalizzata sul sistema solo a partire dalle ore 12.00 del giorno giovedì 10/09/2020.

Prima di tale data è comunque possibile accedere al sistema per la registrazione e la compilazione della domanda

Le richieste di contributo devono essere presentate esclusivamente tramite GeCoWEB Plus a partire dalle ore 12:00 del 7 settembre 2020 e fino alle ore 18:00 del 30 settembre 2020 o, se precedente, all’esaurimento delle risorse.

La selezione delle richieste avviene a sportello, nell’ordine di presentazione delle Domande (inviate in automatico tramite GeCoWEB Plus), ai sensi dell’art. 13 della L.R. 13/2008, con le modalità stabilite dalla DGR n. 187 del 16 aprile 2020.

Il criterio di valutazione principale riguarda la reale possibilità di portare la soluzione innovativa proposta sul mercato entro 6 mesi e di conseguenza l’effettiva disponibilità delle tecnologie, delle competenze tecniche e delle altre capacità previste (finanziarie, produttive, organizzative, commerciali, altro), inclusa la concretezza delle collaborazioni e dei rapporti con terzi previste dal Progetto e i tempi per ottenere le omologazioni o le certificazioni necessarie per commercializzare le soluzioni sviluppate.

La concessione dei contributi deve avvenire entro il 31 dicembre 2020 come stabilito dal Quadro Temporaneo.

 

Informativa sulle principali differenze presenti versione aggiornata GeCoWeb Plus

La versione aggiornata GeCoWeb Plus, pur mantenendo una forte similitudine con la precedente di cui costituisce una evoluzione, contiene alcuni elementi di differenza. Di seguito le principali informazioni che è utile conoscere al riguardo:

  • Le domande presentate sulla versione originaria GeCoWeb continueranno a essere ivi gestite fino a conclusione del bando;
  • Per tutto il periodo necessario saranno operative, quindi, ambedue le versioni della piattaforma. L’utente dovrà pertanto compiere l’accesso alla piattaforma scegliendo la versione in funzione del bando a cui ha presentato domanda;
  • Per i bandi pubblicati a partire dal mese di settembre 2020 si rimanda ai relativi avvisi pubblici per determinare quale versione va utilizzata;
  • Per accedere alla versione aggiornata GeCoWeb Plus l’utente deve compiere la relativa registrazione anche se già registrato in precedenza sulla versione originaria GeCoWeb;
  • Nella versione aggiornata GeCoWeb Plus, inoltre:
    • l’accesso viene compiuto dall’utente (come persona fisica nominalmente individuata) che, successivamente, può abbinarsi a uno o più categorie di soggetto partecipante (impresa, ente/organismo di ricerca, ecc.) in funzione del bando a cui intende partecipare;
    • in caso di partecipazione in aggregazione ai soggetti partecipanti non è più richiesta una registrazione dedicata/specifica e il collegato CUI; è sufficiente il codice fiscale e l’eventuale popolamento di scheda anagrafica (quest’ultimo caso solo per soggetti che non siano imprese registrate);
    • In fase di finalizzazione della domanda di partecipazione non è più richiesto l’invio di una PEC; tale passaggio verrà svolto direttamente dalla piattaforma.

Informazioni

NUMERO VERDE 800.989.796

info@lazioinnova.it

infobandi@lazioinnova.it

Scheda Bando Emergenza coronavirus e oltre

FAQ