DGR N. 396 del 19/11/2013

La Regione Lazio sostiene la realizzazione di tutte le azioni necessarie alla costruzione e all’ottimizzazione della rete dei servizi a favore delle vittime di violenza di genere, mediante l’implementazione dell’esistente e la creazione di nuovi servizi sul territorio regionale.

Le risorse disponibili per il presente Avviso Pubblico ammontano complessivamente a 240.000 Euro.

Soggetti Destinatari

Associazioni operanti nel Terzo Settore, formalmente costituite all’atto di presentazione della domanda, che:
– abbiano una sede operativa all’interno della Regione Lazio;
– abbiano maturato una consolidata esperienza in progetti/interventi nel campo della violenza di genere con azioni di prevenzione, contrasto e gestione di percorsi di uscita.
Ogni soggetto destinatario potrà presentare, sia come soggetto singolo sia come partecipante a una ATS, una sola proposta progettuale.

I progetti devono essere realizzati in sedi operative ubicate nel territorio della regione Lazio.

Progetti agevolabili

Le agevolazioni potranno essere richieste per:
a) potenziamento di sportelli antiviolenza nelle strutture ospedaliere, sportelli di ascolto e attivazione di nuovi sportelli presso le case della salute;
b) realizzazione e potenziamento di strutture di accoglienza e di centri di ascolto a sostegno di vittime di atti discriminatori basati sul diverso orientamento sessuale; che possano fungere da modello da diffondere su tutto il territorio regionale al fine di offrire un sostegno emotivo e sociale ed un rifugio sicuro a chi non si identifica negli schemi dominanti di orientamento sessuale;

c) potenziamento e sostegno di strutture di accoglienza e di ascolto a sostegno di vittime di violenza di genere.

Spese ammissibili

a) spese per consulenze specialistiche (interventi di assistenza all’associazione nella predisposizione e nella realizzazione del progetto) rese da soggetti esterni e indipendenti dall’associazione proponente;
b) spese per investimenti materiali in macchinari e attrezzature nuove di fabbrica regolarmente fatturati alle normali condizioni di mercato da soggetti esterni e indipendenti dall’associazione proponente, giudicati indispensabili alla realizzazione del progetto;
c) spese di personale (dipendenti o collaboratori) impiegati nella realizzazione del progetto e comunque entro il limite del 50% del totale del progetto;
d) spese generali, nel limite massimo del 10% del totale progetto;
e) spese per il rilascio dell’eventuale fidejussione prevista per l’ottenimento dell’anticipo di cui al successivo art.9.

Per quanto attiene i pagamenti, i soggetti beneficiari dovranno operare in conformità al disposto di cui alla Legge 136/2010 “Tracciabilità dei pagamenti” e ss.mm.ii.

Risorse disponibili

– Euro 140.000,00 per le tipologie di progetto di cui al punto a)
– Euro 50.000,00 per le tipologie di progetto di cui al punto b)
– Euro 50.000,00 per le tipologie di progetto di cui al punto c)

Intensità del contributo e tempi di realizzazione dei progetti

Le Associazioni potranno beneficiare di contributi corrispondenti al 100% delle spese ammissibili fino a un massimo di:
– Euro 14.000,00 per le tipologie di progetto di cui al punto a)
– Euro 50.000,00 per ciascuna tipologia di progetto di cui ai punti b) e c)

I progetti di cui al punto a) devono essere realizzati entro 3 mesi dalla sottoscrizione dell’Atto di Impegno; i progetti di cui ai punti b) e c) dovranno essere realizzati entro 6 mesi dalla sottoscrizione dell’Atto di Impegno.
L’agevolazione non è cumulabile con altre agevolazioni pubbliche previste da normative nazionali, regionali e comunitarie per i medesimi costi ammissibili.

Modalità di erogazione delle agevolazioni

Le agevolazioni saranno erogate, al netto delle eventuali ritenute previste dalla normativa vigente, seguendo una di queste due modalità, secondo la scelta operata dal beneficiario:
a) erogazione in un’unica soluzione, dopo l’invio, entro i 30 giorni successivi dalla conclusione del progetto, della rendicontazione amministrativa e della relazione conclusiva sull’avvenuto completamento del progetto e di quanto altro eventualmente previsto nell’Atto di Impegno
b) erogazione di un’anticipazione pari al 50% del contributo concesso previa presentazione di idonea fideiussione rilasciata da primari istituti di credito o primarie compagnie assicurative facenti parte dell’elenco ISVAP. La restante quota sarà erogata in un’unica soluzione a saldo, con le modalità ed alle condizioni indicate al precedente sub a).

Termini di presentazione dei progetti

I termini per presentare proposte progettuali si sono chiusi il 25/09/2014